OSCAR 2017: I miei favoriti - Born to dream

sabato 25 febbraio 2017

OSCAR 2017: I miei favoriti


È la notte delle stelle. È la mia notte preferita. È la notte dei cinefili (a parte quelli troppo snob che schifano cerimonie del genere a prescindere da tutto). È la notte degli Oscar. E come ogni anno giù a fare pronostici, a commentare, a valutare le recitazioni, e ogni piccolo particolare dei film candidati. È un periodo in cui vivo il cinema a 360°, in cui ho l'occasione anche di scoprire nuovi talenti e vedere film a cui magari non avrei dato una possibilità.

Avendo visto praticamente tutti i film che hanno ricevuto nomination, ecco i miei personalissimi favoriti per l'ambita statuetta.

Miglior film


Per chi tifo: La La Land

Questa è la categoria che potrebbe riservarci più sorprese, anche se non sembrerebbe. La La Land è un film magico che ho sentito mio, personalmente è stato una manna dal cielo a cui non potevo non affezionarmi. Ma questa è una categoria che potrebbe riservare delle sorprese. Occhio all'outsider Moonlight, che potrebbe essere premiato per le delicate tematiche, e al potentissimo Manchester by the sea, una storia che potrebbe piacere molto ai membri dell'Academy. Personalmente, se dovesse vincere quest'ultimo non sarei deluso.


Miglior regia

  • Damien Chazelle - La La Land
  • Barry Jenkins - Moonlight
  • Kenneth Lonergan - Manchester by the Sea
  • Denis Villeneuve - Arrival
  • Mel Gibson - La battaglia di Hacksaw Ridge (Hacksaw Ridge)

Per chi tifo: Damien Chazelle


Se La La Land è così magico lo si deve soprattutto al tocco di questo giovane regista, che ha saputo dosare con maestria sogno e realtà, orchestrando tutto in modo perfetto e meraviglioso.
Tutti gli altri candidati hanno fatto un eccellente lavoro, ma Chazelle ha dimostrato quel qualcosa in più.
La mia seconda scelta qui è Kenneth Lonergan.

Miglior attore protagonista


Per chi tifo: Casey Affleck

Qua non ho nessun dubbio. Tra tutte le spettacolari performance di quest'anno, quella che più mi è restata dentro è quella di Affleck. All'apparenza semplice, ma per me difficilissima. Struggente e dolorosa ma soprattutto vera e sentita.

Miglior attrice protagonista


Per chi tifo: Emma Stone

Qua sono fin troppo di parte. Emma è la mia attrice preferita. Birdman era il film che le serviva per aiutarla a spiccare il volo, e con La La Land ha finalmente volato, verso una carriera rosea, dimostrando di essere davvero una bravissima attrice. 
Ho adorato Natalie, e mi ha scombussolato la Huppert, ma Emma merita questo premio perché in La La Land non ha recitato, ma ha vissuto intensamente il personaggio.


Miglior attore non protagonista


Per chi tifo: Michael Shannon

Tutte grandissime interpretazioni, difficile davvero scegliere la migliore.
Non capisco molto il gran clamore suscitato da Mahershala Ali, praticamente il vincitore annunciato, che in Moonlight ha un ruolo fondamentale per la storia, ma che non mi ha entusiasmato più di tanto.
Il Michael Shannon sceriffo morente di Animali Notturni invece mi ha comunicato molto, con una presenza scenica maestosa.

Miglior attrice non protagonista


Per chi tifo: Viola Devis

Qua non c'è storia. A meno di particolare e assurde sorprese, il premio andrà a Viola Devis com'è giusto che sia. Devastante in Fences, messa in ombra per un po' da Denzel Washington, per poi esplodere e farti emozionare anche solo con lo sguardo. 

Migliore sceneggiatura originale


Per chi tifo: Manchester by the sea

Le sceneggiature di quest'anno sono una più bella dell'altra. Difficile davvero scegliere. 
Quella di The Lobster è la più originale di tutte, nel vero senso della parola, ma non credo possa avere molte possibilità di fronte ad una corazzata come Manchester by the sea (che credo vinca) o alla magica perfezione di La La Land. Categoria molto combattuta.


Migliore sceneggiatura non originale


Per chi tifo: Hidden Figures, o Arrival

Difficile scelta anche qui. Scelgo quella di Hidden Figures perché l'ho trovata praticamente perfetta, sia nel ritmo che nei dialoghi. Non mi dispiacerebbe neanche se premiassero quella di Arrival, delicata seppur affontando un tema fantascientifico.


Miglior fotografia


Per chi tifo: La La Land

Non ho visto Silence ma credo che qui il premio allo straordinario lavoro di Sandgren per La La Land non glielo tolga nessuno, dato che se il film è così magico lo dobbiamo fortemente anche a lui.

Miglior scenografia



Per chi tifo: La La Land

Per girare un film moderno che abbia però quel tocco retrò, da anni '50, la scenografia è importantissima e in La La Land è semplicemente perfetta.

Miglior montaggio


Per chi tifo: per nessuno in particolare

Mi aspetto la vittoria di Hacksaw Ridge, perché se quell'ora piena di battaglia non ti pesa è merito soprattutto del montaggio.

Miglior colonna sonora


Per chi tifo: La La Land

Ma qui non c'è neanche da chiedere. Continuo ad ascoltarla quasi ogni giorno da più di una settimana. Gioia di vivere, malinconia, speranza, sogno. Date quell'Oscar a Justin Hurwitz.

Miglior canzone


Per chi tifo: Audition - La La Land

Credo vincerà City of stars, ma Audition ha perforato il mio cuore ed è un momento in cui mi son davvero commosso, merito anche dell'interpretazione di Emma. 




Nessun commento:

@templatesyard